fbpx

Orgasmo che prende – Orgasmo che dona

Ci sono diversi modi per entrare in contatto con l’energia trasformativa della sessualità, uno di questi è comprendere l’impatto di un orgasmo sulla propria energia, prendendo consapevolezza di cosa un orgasmo ci può donare o ci può togliere.

Possiamo, rimanendo umili ed autentiche con noi stesse, ascoltarci nel silenzio della nostra mente e senza giudizio iniziare a prendere consapevolezza del nostro corpo e della nostra energia dopo aver avuto un orgasmo da sole o con il nostro partner, in questo momento la donna è molto più ricettiva ed emotivamente aperta ed ascoltare cosa ti si muove dentro sarà più semplice.

Parto dal presupposto che sanare il rapporto con la propria sessualità è sanare il rapporto che si ha con la vita e che osservarci, comprendendo i vari spazi da cui interagiamo con la nostra energia sessuale, è altamente rivelatore di come ci muoviamo nel mondo.

Ti è mai capitato, dopo aver avuto un rapporto sessuale con orgasmo annesso, di sentire la tua energia a terra e dentro di te un senso di disagio e disarmonia?

Questo succede, e il fatto che si dica che ogni orgasmo è bello, felice etc etc, non mi trova d’accordo, certi orgasmi non sono felici, certi orgasmi lasciano un senso di vuoto e insoddisfazione.

C’è orgasmo e orgasmo.

Innumerevoli sono gli studi sui benefici di una stimolazione sessuale, gli ormoni e le sostanze che entrano in gioco (ossitocina, endorfine, dopamina etc) e come la loro attivazione sostenga il benessere generale della persona…in una visione più ampia, si considerano anche gli effetti di questa stimolazione sull’energia vitale e sul quello che è il sentire più intimo di ognuno.

Una stimolazione sessuale sana e nata da uno spazio di rispetto e amore reciproco (che sia con l’altro o con il proprio corpo), dove vi è libertà di esprimersi e condividere, porta a far esperienza di orgasmi di un livello più alto rispetto ad orgasmi nati da spazi dove (anche se molto sottilmente) vi è la presenza di disagio, di cose non dette, repressione o manipolazione, questi sono orgasmi di basso livello, dei quali prima o poi ne sentiremo gli effetti, prima di tutto sulla nostra energia vitale: indebolimento, insoddisfazione, ci sentiamo easusti e scarichi.

Sperimentare orgasmi di alto livello, porta a stati di maggior espansione e percezione, dove l’energia vitale cresce, il cuore si apre e l’amore incondizionato fluisce. In questa esperienza si entra in contatto con la sorgente della vita e la sacralità di essa, in questo stato la vita si rivela e manifesta.

Ricordiamo che in ogni atto sessuale stiamo creando qualcosa, che sia qualcosa di fisico o energetico.

Gli orgasmi di alto livello sono orgasmi che sanano e trasformano, guariscono ferite e avvicinano alla propria fonte, da qui puoi iniziare a creare ed utilizzare anche l’atto sessuale come mezzo consapevole per la realizzazione di desideri nella realtà fisica.

Come arrivare a sperimentare orgasmi di alto livello?

I livelli del nostro orgasmo dipendono da come stiamo, da come ci sentiamo, e da come ci relazioniamo con noi stesse e con il nostro partner.

Osservati, in primis prova ad andare in profondità nella relazione con la tua sessualità e con l’autoesplorazione del tuo corpo, senza voler per forza giungere ad un risultato… respirando osservati e stai in quel che c’è, senza fretta respira e lascia andare la testa.

Condividi il più possibile con il tuo partner ed entra in profondità nel vostro rapporto, esprimi i tuoi bisogni e senti quali sono i suoi senza giudizio.

Prenditi cura di te e del tuo benessere, nutriti in modo sano e amorevole (nutrimento riferito non solo al cibo, ma anche a quello che respiri, ascolti, e senti su più livelli), osservati senza giudizio, rispettati, non rincorrere l’orgasmo ma semplicemnte lascia che sia.

Calma la mente e cerca di essere il più possibile presente nei momenti di intimità (fisica e non).

Non aggrapparti alle esperienze del passato e cerca di eliminare le aspettative.

Rispetta la tua casa, il tuo corpo e la tua intimità.

E’ un lungo viaggio che richiede pazienza, fiducia, apertura e accoglienza…
Insomma, è un viaggio all’insegna del femminile.

Giulia Ambrosetti

Consulente ed operatrice olistica

Specializzata in sessualità e benessere femminile.

Ph: @natureyoni

 

0 comments
14 likes
Prev post: Cervice: una via di autoconoscenza e piacereNext post: La nostra anatomia intima parla di noi e della nostra sessualità

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *