La Detersione Attiva, ovvero come far diventare il momento della detersione un vero e proprio Workout Effetto Lifting - Donne in Fiore

La Detersione Attiva, ovvero come far diventare il momento della detersione un vero e proprio Workout Effetto Lifting

Detersione Attiva

 

Il termine Detersione Attiva è un termine che ho pensato mentre stavo facendo la mia quotidiana detersione mixandola con gli esercizi della ProFaceGym.

 

Nell’intervista che Veronica Mazza mi ha fatto per Vogue (leggi l’articolo) sono andata a spiegare più in profondità il perché è utile farsi questo tipo di detersione Non solo, ho dato anche delle indicazioni pratiche su come iniziare a farla.

 

Come spiega l’esperta, “è il nome che ho dato alla mia rivisitazione del classico step nella beauty routine quotidiana, reso in questo caso più performante da specifici movimenti ed esercizi di ginnastica facciale. Nella maggior parte dei casi, si comprano prodotti per il viso, ma non si sa come applicarli al meglio. Nella detersione attiva oltre al prodotto, al centro vi è la sua corretta applicazione mixata all’allenamento dei muscoli facciali. In questo modo si diventa consci e responsabili del proprio benessere e della propria bellezza. Inoltre si darà quella spinta in più al prodotto e alla sua efficacia, rendendo il momento della detersione un vero e proprio allenamento per il viso”.

 

Uno degli obiettivi del mio lavoro è quello di accompagnare le mie clienti a prendere maggiore consapevolezza di sé, perché credo profondamente che questa sia una chiave per amarsi ed accettarsi un po’ di più. 

 

Lo possiamo fare partendo anche dalla cura del nostro viso. 

 

Così è successo a me e a tante altre donne che hanno seguito i miei percorsi: in un momento della vita in cui tante cose sembravano non andare nel verso “giusto” il prendersi cura del proprio viso è stato uno strumento per riemergere da una fase dove ci eravamo scordate di noi.

 

“Un gran beneficio del mantenersi parte attiva nella cura del viso è quello di conoscerlo maggiormente e sapere di cosa si ha bisogno”, afferma Giulia Ambrosetti. “Questo permette di tornare ad avere un vero contatto con esso e di conseguenza essere più consapevoli di sé stessi. Un esempio? Si impara a conoscere e a sentire le tensioni che sono presenti e poterle rilassare, modificando in caso anche abitudini facciali sbagliate. La detersione attiva è anche un empowerment, una pratica che ci spinge ad amarci di più e a dedicarci tempo e cura”.

 

Diventare parte attiva del benessere del proprio viso e non relegare gran parte di questo ai soli prodotti, fa la differenza.

 

Conoscere gestualità ed esercizi che vanno ad esaltare e migliorare il benessere del proprio viso, anche.

 

Leggi il mio how to do della detersione attiva nell’articolo di Vogue

 

Ginnastica facciale, come farla durante la detersione del viso | Vogue Italia

 

Buona cura di voi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.